“La casa è un bene vitale come l’aria pulita, la luce e l’acqua potabile."

Arc en Ciel tra i vincitori del Premio Biagi

Mercoledì 18 marzo presso Il Resto del Carlino si è tenuta la premiazione della IX Edizione del Premio Biagi. Un’occasione per ricordare Marco Biagi, ma anche per premiare le realtà che hanno fatto della solidarietà, del reinserimento e della formazione lavorativa la propria bandiera. Il Premio Marco Biagi per la solidarietà sociale promosso da il Resto del Carlino, resta un punto di riferimento per la vita associativa regionale, con oltre 436mila euro distribuiti nel corso delle passate edizioni. 

Quest'anno tra i premiati anche Arc-en-Ciel,  un premio che condividiamo non solo con i volontari della nostra associazione ma con tutta la Rete che in questi anni ha contribuito a rendere fattibili azioni e attività dedicate alle fasce deboli della società, in particolare verso i cittadini stranieri e gli immigrati presenti sul nostro territorio. 

Tra le altre associazioni del territorio Bolognese sono state premiate l'associazione di Volontariato Mosaico di Solidarietà, vincitore del primo premio, le associazioni Arad,  Campi d’Arte cooperativa sociale, Il ponte di casa Santa Chiara, Opere di Misericordia, Società Cooperativa La Venenta e Unitalsi.

Grazie a tutti!

 

Pierluigi Stefani, Presidente dell'Associazione Arc-en-Ciel Onlus

Premiati premio Biagi  

 

Premiati 2

da sinistra: Antonella Lorenzetti, il Ponte di Casa Santa Chiara di Bologna;  Giuliano Ansaloni, Mosaico di Solidarietà, Granarolo dell'Emilia; Rita Conti, Unitalsi Bologna; Rossella Gamberini, la Venenta Onlus Bologna; Silvia Presti Campi d'Arte di San Pietro in Casale; Pierluigi Stefani, Arc-en-Ciel Onlus, Casalecchio dei Conti, Bologna                                                              

 

                                                                              

COM.IN

COM.IN

Com.in è un progetto europeo, in cui quattro città europee (Amburgo - Germania, Newcastle - Inghilterra, Malmo - Svezia, Bologna Italia, Consorzio Arcolaio) hanno messo a confronto le proprie strategie locali per l'inclusione attiva dei giovani migranti dai 16 ai 25 anni, per fronteggiare i problemi che riguardano la casa, il lavoro, l'integrazione sociale.

I quattro partner nel corso del progetto hanno potuto confrontarsi sulla propria esperienza e la propria metodologia di lavoro, per analizzare e valutare l’efficacia delle pratiche messe in campo.

Nel corso del progetto si sono susseguiti vari incontri bilaterali nelle varie città partner. Di particolare rilievo il meeting di Bologna ( 16 e 17 gennaio 2012) in cui è stata offerta la possibilità di visitare le strutture di accoglienza del Consorzio Arcolaio ma anche di altre realtà in rete:

la residenza per richiedenti asilo “ Santa Francesca Cabrini”, il dormitorio notturno “Massimo Zaccarelli”, il “ Milliario” Centro di accoglienza per i rifugiati, il centro per l’emergenza nord Africa “Villa Aldini” ( consorzio Indaco), il centro di emergenza sociale “Opera Padre Marella”, il centro per minori non accompagnati “Villaggio del Fanciullo”. Incontri che hanno stimolato analisi e valutazioni sull’efficacia delle pratiche di accoglienza tra i vari partner.

Ciò che si è messo in luce è una metodologia operativa e gli obiettivi della propria azione politica sul territorio. Da questo confronto è stata prodotta la Carta dei Valori – Patto della Corresponsabilità fra utenti, operatori e collettività.

Arc-en-Ciel Associazione onlus Via Malvezza, 3431 - Casalecchio dei Conti, 40050 Gallo Bolognese (Bo) 

Tel. e Fax 051 694 14 31 C.F.: 90004590379